Approvata la nuova normativa del Corpo Europeo di Solidarietà 2018 – 2020

12/09 2018

Approvata la nuova normativa del Corpo Europeo di Solidarietà 2018 – 2020

L’11 settembre il Parlamento europeo ha approvato la nuova normativa che regola il Corpo Europeo di Solidarietà, l’iniziativa comunitaria lanciata nel dicembre 2016.

Dopo i primi mesi di lavoro dei progetti pilota sui due strand, finanziati attraverso diversi programmi, tra i quali quello attualmente in corso dell’ANPAL, è stato approvato un bilancio complessivo per il periodo 2018 - 2020 di 375,6 milioni di euro, il 90% dei quali è destinato al volontariato e il 10% alla parte occupazionale del programma. La Commissione europea ha inoltre già presentato una nuova proposta per  il prossimo esercizio finanziario 2021-2027 che stanzierebbe 1,26 miliardi di euro per l’iniziativa di solidarietà.

Si conferma pertanto l’impegno a rafforzare la solidarietà in Europa e ad aprire ai giovani tra i 18 e i 30 anni nuove prospettive di sviluppo personale e professionale in questo settore.

Tra le novità la distinzione netta e chiara tra attività di volontariato ed attività lavorativa, nella forma di contratto di lavoro o di tirocinio, per garantire che nessuna organizzazione partecipante utilizzi i giovani come volontari non retribuiti quando sono disponibili posti di lavoro di qualità potenziali.

Tutte le organizzazioni partecipanti, inoltre, dovranno registrarsi ed ottenere dalle Agenzie nazionali incaricate un "marchio di qualità" che certifichi la loro capacità di offrire attività di solidarietà di alta qualità. Questo marchio verrà monitorato regolarmente e potrà essere revocato.

Leggi qui il testo completo della notizia sul sito del Parlamento europeo.

#eusolidaritycorps