FAQ - Enti e Imprese

Chi può partecipare?

Qualsiasi ente, impresa, associazione e organizzazione non governativa (Ong) privata e pubblica, del terzo settore e del volontariato, con sede legale in uno Stato membro dell’Unione europea (Ue), e che offra opportunità di lavoro e di tirocinio, di durata compresa tra 2 e 12 mesi, che abbiano una dimensione solidale ovvero rientrino tra gli obiettivi di European Solidarity Corps.

 

Cosa offre il progetto ai datori di lavoro?

Il progetto offre gratuitamente diversi servizi e vantaggi:

  • una vasta rete di consulenti qualificati e servizi personalizzati per l’incrocio domanda-offerta di lavoro, su tutto il territorio dell’Unione europea
  • supporto nella selezione e assunzione dei lavoratori o tirocinanti
  • benefit finanziari per le attività di inserimento e formazione dei neoassunti (programma di integrazione)

 

 

Come si può partecipare?

  1. Basta registrarsi al progetto tramite l’apposito form presente su questo sito.
  2. Una volta registrato, il datore di lavoro viene affiancato da un consulente di progetto che, gratuitamente, lo supporterà in tutte le fasi successive: definizione delle offerte di lavoro, ricerca del profilo professionale più adatto alle esigenze, assistenza per il processo di selezione e collocamento.

 

Quanti giovani si possono assumere?

Non ci sono limitazioni per il singolo datore di lavoro. Il progetto ha come obiettivo complessivo il collocamento di almeno 2.000 giovani (tra i quali sono compresi 200 tirocinanti).

 

Come individuare il miglior candidato per le proprie esigenze?

Anpal for European Solidarity Corps offre servizi personalizzati e qualificati per supportare le organizzazioni e gli enti nella ricerca dei profili necessari.

  1. Il consulente di progetto pre-seleziona i candidati che rispondono ai requisiti richiesti nell’offerta e invia i CV all’organizzazione.
  2. Il datore di lavoro verifica le proposte e può chiedere di incontrare i candidati per un colloquio di selezione. Grazie ai benefit economici previsti dal progetto per i colloqui di lavoro, il candidato pre-selezionato potrà raggiungere l’organizzazione o partecipare a delle giornate di reclutamento in un Paese diverso dal proprio.

 

Vorrei assumere un candidato, ma non conosce bene la lingua parlata nella mia impresa/ente. Cosa offre il progetto?

Il giovane può ricevere un supporto finanziario per seguire un corso di lingua prima di partire o dopo l’avvio dell’esperienza di lavoro/tirocinio.

Il datore di lavoro può, inoltre, prevedere anche un corso di lingua nell’ambito del programma di integrazione per il miglioramento delle competenze linguistiche del candidato.

È quindi possibile seguire più corsi di lingua, beneficiando di diverse misure previste dal progetto, purché I corsi seguiti dal giovane abbiano natura diversa (lingue differenti o livelli progressivi).

 

Cos’è il programma di integrazione?

È un pacchetto di moduli formativi e di servizi, offerti dal datore di lavoro, con il supporto finanziario del progetto. L’obiettivo è di facilitare l’integrazione del giovane lavoratore/tirocinante nel nuovo contesto socio-lavorativo. Il programma può prevedere una formazione per il perfezionamento e il rafforzamento del profilo professionale e il miglioramento delle competenze linguistiche, servizi di mentoring e coaching, ecc.

 

Posso offrire un’esperienza di lavoro o tirocinio superiore ai 12 mesi?

Per essere ammissibili al progetto le esperienze di lavoro o tirocinio devono avere una durata compresa tra i 2 e i 12 mesi.

Posso assumere un candidato se la mia impresa/ente ha sede legale in uno Stato membro dell’Unione europea, ma il lavoro si svolge fuori da uno dei 28 Stati membri?

Il lavoro o il tirocinio deve svolgersi in uno dei 28 Stati membri dell’Unione europea diverso dallo Stato membro di residenza del giovane.